Asteroidi

1994 AW1 asteroide Binario

1994 AW1

 

L'asteroide NEA 1994 AW1, adesso numerato (385186), è stato scoperto la notte del 11 gennaio del 1994 dall'osservatorio di Monte Palomar come da MPEC 1994-A06.

effemeridi:

Epoch 2015 June 27.0 TT = JDT 2457200.5  (M-h)          MPC
M 310.94433              (2000.0)            P               Q
n   0.84877402     Peri.   37.09558     +0.79395594     +0.47236176             T = 2457258.29592 JDT
a   1.1047771      Node   290.38827     -0.60795586     +0.62187343             q =     1.0213499
 e   0.0755150      Incl.   24.10095     +0.00486245     +0.62461813    Earth MOID = 0.01953 AU
P   1.16           H   17.6           G   0.15           U   1
 
  


L'asteroide è stato schedulato dal Radiotelescopio di Goldstone in conseguenza del suo passaggio radente con la Terra a 0.065 UA il 17/07/2015.

Precedenti studi fotometrici effettuati da Pravec e Birlan hanno permesso di determinare che l'asteroide è binario, con un periodo di rotazione del primario  di 2.5193 h , ampiezza ~0.15 mag. il secondario ha un periodo di 22.3h con un ampiezza di 0.1 mag.

Dall'osservatorio di San Marcello Pistoiese l'asteroide 1994 AW1 è stato osservato nelle notti del 02-04-05 agosto 2015utilizzando il telescopio Newton da 0.60-m F4,  FOV di ~35'x35' , risoluzione di 2"/pixel.

I dati fotometrici ottenuti nella prima notte, hanno mostrato che la curva di luce aveva un andamento anomalo rispetto alle previsioni,  in particolare il periodo di rotazione risultava di 3.91 h con un ampiezza di 0.25 mag.


Nella seconda notte del 4 agosto sono stati ottenuti ulteriori dati, che comparati con i precedenti  si ricava  un periodo di rotazione stimato in  3.69 h ed un'ampiezza di 0.26 mag., ancora in disaccordo con il previsto risultato.


Analizzando i soli dati ottenuti nelle seconda sessione osservativa si è notato che il periodo di rotazione dell'asteroide ha una valore compatibile con quello atteso, come evidenziato nel seguente grafico.


 
I dati sono stati trasmessi all'astronomo Albino Carbognani dell' Osservatorio  Astronomico della Regione Autonoma Valle d'Aosta,  Saint-Barthélemy (codice MPC B04 OAVdA, Saint-Barthelemy), il quale rielaborando i dati ha individuato un mutuo evento nella prima sessione del 2 agosto,  dovuto alla presenza del secondario, evidenziando cosi la natura binaria dell'asteroide (385186).


Elaborando i dati ottenuti nell'ultima sessione osservativa del 5 agosto, l'astronomo Albino Carbognani ha determinato il periodo di rotazione del primario in 2.519 h con un ampiezza di 0.21 mag. in pieno accordo con i dati previsti.




Il lavoro svolto ha permesso di confermare la natura binaria del NEA (385186), di determinare il  periodo di rotazione principale in 2.519±0.012 h, con un ampiezza di 0.15 magnitudini, cosi come evidenziato nel seguente grafico, in accordo con i dati ottenuti nei precedenti lavori.

 

Curva migliorata, si evidenzia il mutuo evento dovuto al secondario


E' stata una buona "palestra" per le future attività. 

2011 UW158

(436724) 2011 UW158

 

Su segnalazione di Albino Carbognani astronomo dell' Osservatorio Astronomico della Valle d'Aosta Oavda, la notte del 01/08/2015 è stato osservato da San Marcello Pistoiese l'asteroide 2011 UW158.

L'asteroide scoperto il 25/10/2011 dal telescopio F51 Pan-STARRS 1, Haleakala. Quando era ancora nella NEOCP è stato effettuato il Follow-UP dall'osservatorio di San Marcello come da circolare MPEC 2011-U90.


(436724) 2011 UW158
Display all designations for this object / # of variant orbits available = 3

Epoch 2015 June 27.0 TT = JDT 2457200.5  (M-h)          MPC
M 349.64418              (2000.0)            P               Q
n   0.47926447     Peri.    8.64714     +0.42087978     +0.90377237             T = 2457222.10773 JDT
a   1.6171584      Node   286.27302     -0.83703610     +0.35386921             q =     1.0105126
e   0.3751307      Incl.    4.64985     -0.34961518     +0.24077391    Earth MOID = 0.00261 AU
P   2.06           H   19.6           G   0.15           U   0
 
effemeridi:

 

data ora                  RA             Dec          Delta       r     Elog   Ph     Mag.  "/min   P.A.   


 2015 08 01 000000 00 12 46.9 +53 19 37   0.046   1.020   95.4  82.0  15.8    3.54    174.4    
2015 08 01 010000 00 12 48.9 +53 16 03   0.046   1.020   95.5  81.9  15.8    3.61    176.1    
2015 08 01 020000 00 12 50.3 +53 12 24   0.046   1.021   95.6  81.9  15.8    3.71    177.1    
2015 08 01 030000 00 12 51.5 +53 08 39   0.046   1.021   95.6  81.8  15.8    3.81    177.4    
2015 08 01 040000 00 12 52.7 +53 04 47   0.046   1.021   95.7  81.7  15.8    3.91    177.1    



Sono state ottenute 113 immagini con tempo di esposizione ognuna da 60 secondi, utilizzando il telescopio da 0.60-m F4, con CCD 1024x1024, FOV ~35'x35' con risoluzione di ~2"/pixel.

La sessione fotometrica ha permesso di determinare il periodo di rotazioni in 0.611 h, con un ampiezza di 1.94 mag. 

I dati successivamente sono stati trasmessi all'astronomo Carbognani  che ne ha determinato con più accuratezza i dati.

LC by Albino Carbognani


E' particolarmente interessante il periodo di rotazione di questo asteroide in considerazione del diametro stimato dell'asteroide  ~300 m.

Nell'animazione seguente si nota l'evidente variazione di luminosità dell'asteroide al trascorre del tempo.

Clicca per ingrandire - Animazione




L'asteroide è stato ripreso anche dal radiotelescopio di Goldostone (http://echo.jpl.nasa.gov/asteroids/2011UW158/2011UW158_planning.html)



In considerazione delle dimensioni e del periodo di rotazione l'asteroide 2011 UW158 è il terzo che "supera" la barriera dello spin-rate, cosi come mostrato nel seguente grafico, rientrando quindi nella categoria dei  large super-fast rotator.
L'asteroide mostra una diversa ampiezza della curva seconda del periodo di osservazione.

I dati ottenuti sono stati trasmessi all'astronomo Petr Pravec.


Bruce L. Gary ha effettuato una attenta analisi di questo asteroide www.brucegary.net/UW158/

2015 EV

Il 12 Marzo 2015, 3° appuntamento con gli studenti , nell'ambito del progetto di collaborazione tra il GAMP e l' Istituto omnicompresivo di San Marcello Pistoiese

Le classi 1 e 2 A del Liceo Fermi, erano in osservatorio per la serata dedicata ai corpi minori del sistema solare.

Dopo la parte introduttiva nella sala conferenze  gli allunni hanno utilizzato il telescopio da 0.60-m dalla sala controllo.

Gli alunni della 1 e 2 A Liceo Fermi in Osservatorio

Uno sguardo alla pagine del Minor Planet Center NEOCP. Nella lista è presente un oggetto da confermare particolarmente interessante con sigla WEBE2B8, la cui  luminosità  era stimata di ~ 19.0 mag. e un motion di 21"/min. ( decisamente molto veloce !!)

I ragazzi puntano il telescopio alle coordinate previste, predisponendo un sequenza di acquisizione di immagini da 10 secondi ciascuna.

Man mano che le immagini vengono acquisite si provvede ad analizzarle con il software Astrometrica.

Sommando 30 immagini sul moto dell'asteroide si riesce a individuare il nuovo oggetto.

Vengono acquisite piu di 150 immagini, dalle quali si  estrapolano tre misure di posizione da inviare al MPC.

Con circolare MPEC MPEC 2015-E46 : 2015 EV del 13/03/2014 viene annunciata la scoperta di un nuovo NEA con designazione provvisoria 2015 EV.

 

Tra gli osservatori che hanno contribuito alla scoperta c'è 104 San Marcello, tra gli osservatori compare il nome del Liceo Fermi.

 

L'asteroide con un diametro stimato in  ~90 metri con  eccentricità decisamente elevata e=0.96.(quasi cometaria)

Orbita dell'asteroide 2015 EV
Orbital elements:
2015 EV                                                  Earth MOID = 0.0062 AU
Epoch 2015 June 27.0 TT = JDT 2457200.5                 MPC
M  22.92087              (2000.0)            P               Q
n   0.33976796     Peri.  152.93171     +0.78817021     +0.61429230
a   2.0339851      Node   168.92390     -0.59431069     +0.77563135
e   0.9603268      Incl.   11.36299     -0.15994534     +0.14505510
P   2.90           H   22.5           G   0.15           U   9

Come da prassi, prima di inviare le misure al MPC viene fatto un controllo per verificare  la precisione delle misure ricavata dalle immagini acquisite utilizzando apposito software

I residui sono delle nostre misure sono compatibili con la probabile orbita, per cui possiamo inviare le misure al MPC.

 

Di seguito un animazione del nuovo NEA ripreso dagli studenti: sono state sommate 30 immagini ciascuna da 10 secondi .

Animazione asteroide 2015 EV
Observer details:
104 San Marcello Pistoiese.  Observers P. Bacci, L. Fermi.  Measurers P. Bacci,
    L. Tesi, G. Fagioli.  0.60-m f/4 reflector + CCD.

Davvero una bella soddisfazione per il GAMP e per i ragazzi del Liceo Fermi di San Marcello Pistoiese.

 

 

Asteroide 2004 BL86

(357439) 2004 BL86

 

Il 26/01/2015 l' Asteroide (357439) 2004 BL86, con un diametro di ~500 metri,  effettuerà una passaggio radente alla Terra, avvicinandosi a  soli 0.0080 UA ~1 196 800 km ( a circa 3 volte la distanza Terra-Luna), raggiungendo la luminosità di ~9.0 magnitudine, praticamente visibile con un binocolo.

 


L'asteroide 2004 BL86 è stato scoperto il 30/01/2004 dall'  osservatorio704 Lincoln Laboratory ETS, New Mexico, quando aveva ~19.6 mag. La conferma dell'oggetto fu fatta dal''osservatorio 599 Campo Imperatore-CINEOS., osservatori : A. Boattini, R. Leoni, A. Di Paola, G. Casilli. come da MPEC 2004-B80 : 2004 BL86.

  
Orbita dell'asteroide   (NASA Orbit)

Epoch 2014 Dec. 9.0 TT = JDT 2457000.5   (M-h)          MPC
M 354.03306              (2000.0)            P               Q
n   0.53531751     Peri.  311.25498     +0.15732606     -0.93331881             T = 2457011.64655 JDT
a   1.5022023      Node   126.72037     +0.98285078     +0.11614661             q =     0.8967044
e   0.4030735      Incl.   23.74363     +0.09619180     +0.33974396    Earth MOID = 0.00817 AU
P   1.84           H   19.0           G   0.15           U   1
From 83 observations at 7 oppositions, 2004-2014, mean residual 0".51.
 
 

 L'asteroide potrà essere osservato agevolmente alle nostre latitudini.
di seguito le effemeridi estrapolate dal Minor Planet Center

Clicca per ingrandire

Il percorso dell'asteroide sulla volta celeste

 


 Note per l'osservazione:

L'asteroide sarà osservabile dalle ore 20.00 UT del 26/01/2015, con un elevato motion 156.81"/min percui sarà particolarmente difficile da misurare, nonostante sia molto luminoso.
Nei giorni successivi potrà essere studiato in quanto il suo motion sarà decisamente minore, come riportato si seguito.

Clicca per ingrandire

Nel corso della serata pubblica è stato osservato l'asteroide, di seguito un animazione del passaggio radente ripreso la sera del 26 Gennaio 2015.

 

di seguito somma di 20 immagini ognuna da 5 secondi,

L'asteroide è molto luminoso 9,0 mag. tra gli ottetti piu luminosi nel campo fotografato

 

Il pubblico in osservatorio osserva le immagini proiettate del'asteroide.

 

La sera del 28/01/2015, l'asteroide 2004 BL86 è stato seguito per circa 3 ore al fine di determinare il periodo di rotazione. Il lavoro svolto ha portato ai primi risultati che confermano quanto osservato dai professionisti. I dati attualmente sono stati trasmetti all'astronomo Albino Carbognani, che sta raccogliendo le osservazioni fatte la sera precedente da Luca Buzzi dell'Osservatorio 204 Schiapparelli.


Nella sessione osservativa è stato possibile ricavare il periodo di rotazione dell'asteroide che è di ~2.7h . I dati attualmente sono in fase di elaborazione.

(7481) San Marcello

 
L' 11 agosto 2014 si festeggia il ventennale della prima scoperta di un asteroide avvenuta all'osservatorio di San Marcello Pistoiese.
 
La notte dell'11/08/1994, Andrea Boattini, allora astrofilo, oggi famoso astronomo scopritore di ben 26 comete, e l'astrofila Maura Tombelli, utilizzando il telescopio da 40 cm, individuarono per la prima volta un asteroide, che fu catalogato con la designazione provvisoria 1994 PA1.
 
San Marcello ripreso nel 2012
Quando un asteroide, a seguito delle osservazioni effettuate negli anni, ha un orbita definitiva, viene numerato e catalogato tra gli asteroidi ufficialmente scoperti. Lo scopritore, seguendo le rigide regole dettate dall' Unione Astronomica Internazionale (UAI), può scegliere di dare un nome al corpo celeste.
 
Il 22 aprile del 1997 esce la circolare del MPC n.29673, con la quale viene ufficialmente assegnato (in lingua inglese) all'asteroide 7481 il nome di San Marcello:
 
 
 
 
 
(7481) San Marcello = 1994 PA1
Named for San Marcello Pistoiese, the mountain village where the Pian
dei Termini Observatory is located and an important all-year holiday Tuscan
resort. Founded by the Romans in 224 B.C., its name comes from the Roman
Consul Marcus Claudius Marcellus. A pedestrian suspension bridge on the river
Lima is the longest in the world.
 
(Dedicato a San Marcello Pistoiese, il paese montano sede dell’Osservatorio Astronomico di Pian dei Termini e importante centro di vacanza toscano. Fondato dai Romani nel 224 d.C., deriva il suo nome dal console Marco Claudio Marcello. Un ponte sospeso sul fiume Lima ha il vanto di essere il più lungo del mondo).
 
 
Elementi Orbitali  (7481 SAN MARCELLO) 
 
Epoch 2014 May 23.0 TT = JDT 2456800.5                  MPC
M 171.53789              (2000.0)            P               Q
n   0.19727789     Peri.  329.58436     -0.80669238     -0.59052835             T = 2455930.97588 JDT
a   2.9224725      Node   174.06401     +0.57693638     -0.79533234             q =     2.8044943
e   0.0403693      Incl.   12.78413     +0.12803053     -0.13683107
P   5.00           H   12.4           G   0.15           U   0
 
 
L'asteroide San Marcello impiega 5 anni per percorrere un giro intorno al Sole, ad una distanza media di 441 320 000 km, è stato il primo di una delle tante scoperte avvenute all'osservatorio montano, che oggi vanta il primato italiano, tra gli astrofili, del maggior numero di asteroidi scoperti: 292. Di questi 132 hanno ricevuto un nome, alcuni di personaggi famosi come gli astronomi Franco Pacini e Margherita Hack, altri di personaggi fiabeschi come Pinocchio o, ancora, di persone legate al mondo degli appassionati del cielo. Tra le tante scoperte probabilmente quella più “importante” è relativa all'asteroide intitolato allo storico presidente del GAMP Luciano Tesi, scoperto nel 1998 che di fatto è stato il primo asteroide scoperto in Italia della categoria NEA (Neart Earth Asteroid), ovvero asteroidi che intersecano l'orbita terrestre avvicinandosi, a volte con qualche probabilità di impatto, al nostro pianeta.
Nel 2011 veniva individuato il primo asteroide scoperto in Italia, catalogato PHA – cioè della categoria degli asteroidi potenzialmente pericolosi - .
 
San Marcello ripreso il 10/08/2014
 L'osservatorio montato ospita due telescopi: uno da 40 cm, l'altro, più recente, da 60 cm.
Sito nella bella cornice naturale di “Pian de Termini” a 1000 m s.l.m. è una struttura pubblica del Comune di San Marcello Pistoiese, realizzato con il contributo della Regione Toscana, la Provincia di Pistoia e il Comune di Piteglio.
E' gestito dal GAMP - Gruppo Astrofili Montagna Pistoiese – (www.gamp-net.it), che ne cura la divulgazione delle scienze astronomiche, con aperture settimanali, sia per l'osservazione notturna dedicata ai principale oggetti astronomici, che diurna per l'osservazione del Sole.
 
Per l'occasione è stato risistemato e messo a “nuovo” il glorioso telescopio da 40 cm.
 
effemeridi
 
il glorioso telescopio da 40 cm
 
Joomla templates by a4joomla