Ricerca Pianetini

  1. Stato Attuale della Ricerca
  2. Tutti i pianetini scoperti a San Marcello
  3. Pianetini Numerati (con Nome o Sigla) Scoperti a S.Marcello
  4. Citazioni dei Pianetini Nominati Scoperti a S.Marcello
  5. Pianetini con Sigla Provvisoria scoperti a S.Marcello
  6. Pianetini Numerati Scoperti in Italia da Siti Amatoriali

Ricerca Asteroidi & Comete

La principale attività di ricerca presso osservatorio astronomico di Pian de' Termini è indirizzata allo studio dei corpi minori del sistema solare: asteroidi e comete.

 Nel 1995, data di inizio dell'attività, ha ottenuto dal Minor Planet Center (MPC), il cui centro è presso Smithsonian Astrophysical Observatory (SAO) con sede a Cambridge, negli Stati Uniti, il codice osservatorio 104 – San Marcello.

 I risultati ottenuti in questo campo riguardano principalmente la scoperta di asteroidi della fascia principale degli asteroidi.

La notte del il 28 agosto 1994, dall'osservatorio montato è stato scoperto il primo NEO – Near Earth Object – cioè con un orbita che interseca quella terreste, intitolato al presidente del GAMP (15817) Lucianotesi.

 

RISULTATI  DELLA  RICERCA  DI  ASTEROIDI e COMETE ALL' OSSERVATORIO - Codice MPC: 104

Legenda: Code=codice osservatorio; Obs= n° osservazioni:  MPs= di pianetini numerati; Unnum MPs= di pianetini non numerati;  Comets= di comete;  Sats=satelliti

n° oggetti:  Num MPs= n° pianetini numerati osservati; n° pianetini non numerati osservati; n° comete osservate

I numeri dell'attività (dati del Minor Planet Center :  http://www.minorplanetcenter.net/iau/special/CountObsByYear.txt)

Attività di ricerca allOsservatorio di San Marcello PT

 

Cosa sono gli asteroidi?

 Gli asteroidi – chiamati anche pianetini - sono corpi celesti di piccole dimensioni, prevalentemente rocciosi, che ruotano intorno al sole. Il primo asteroide (1) CERERE è stato scoperto la notte del 1 gennaio 1801 da padre Giuseppe Piazzi dall'osservatorio reale di Palermo, situato tra le orbite di Marte e di Giove, in quella zona di spazio definita “ fascia principale degli asteroidi” (usualmente indicata con l'acronimo inglese MBA Main Belt Asteroid), dove si trovano più di un milione di asteroidi, situata tra 2.3 e 3.3 UA ( 1 UA = 149 597 870,700 km).

 L'astronomo e fisico William Herschel (1738-1822) poco dopo la scoperta del pianetino (2) Pallade, nel 1802 conio il termine asteroide che significa “di aspetto-stellare”, poiché, attraverso la loro osservazione mediante telescopio, apparivano simili a stelle.

 Nel 1891 Max Wolf scopri il primo asteroide con il metodo fotografico (323) Brucia.

 Da allora la scoperta di asteroidi è avvenuta in modo esponenziale, ad oggi sono stati scoperti più di 639 091 asteroidi.

 Gli asteroidi vengono catalogati per il tipo di orbita, per classificazione tassometrica, e per la loro pericolosità di impatto sulla Terra.

 Sintetizzando oltre alla fascia asteroidale MBA, vi sono gli asteroidi TNO (Trans Neptunian Objects) KBO (Kuiper Belt Objects) appartenenti alla Fascia di Kupier. Particolare attenzione è rivolta agli asteroidi classificati come NEA – Near Earth Asteroid – asteroidi che hanno un orbita vicino a quella Terrestre, o i PHA - Potentially Hazardous Asteroids – asteroidi potenzialmente pericolosi.

 Cosa sono le Comete ?

 Le comete sono tra gli oggetti più spettacolari della volta celeste, osservate dalle prime civiltà ed in particolar modo dai Babilonesi. La caratteristicha di una cometa è la presenza della chioma e in alcuni casi delle code (di polveri, di ioni, ecc.). L'origine del nome Cometa deriva dal greco il cui significato è “dotato di chioma”.L'astronomo Fred Lawrence Whipple nel 1950 definì le comete “palla di neve sporca”, oggi questo modello è stato rivisto ed adattato alle nuove conoscenze.

Quando una cometa si avvicina al sole la sua superficie viene riscaldata dando origine a fenomeni di sublimazione, che circondano il nucleo di gas e particelle di polveri.

L'attività cometaria e l'interazione con le particelle del vento solare danno origine alle code, quella di polveri composta da microscopici grani si estende lungo l'orbita della cometa in direzione opposta al sole, mentre quella di ioni, quindi gassosa, si estende in modo perpendicolare alla direzione del sole in senso inverso.

Perchè studiare gli asteroidi e le comete ?

Gli asteroidi è le comete sono il residuo della formazione del sistema solare, lo studio di questi corpi celesti potrà permettere di comprendere come si sono formati i pianeti, la vita esiste sulla terra. Per rispondere a queste domandane si deve conosce la natura, la distribuzione, la formazione e evoluzione dei corpi minori del sistema solare. Fondamentale è indagare su:

  • Qual'è la popolazione e composizione strutturale della MBA
  • Come la dinamica e le collisioni modificano questa struttura.
  • Quale sono le proprietà degli asteroidi e delle comete
  • Quali frammenti sono associati dinamicamente tra loro
  • Possibili futuri impatti
  • L'origine delle comete
  • La composizione chimica e strutturale.

 

I nomi degli asteroidi e delle Comete

 L'Unione Astronomica Internazionale (UAI) che gli asteroidi possono ottenere un mome dal suo scopritore seguendo le rigide regole. Brevemente, un asteroide può ottenere un nome quando la sua orbita e di conseguenza gli elementi orbitali sono perfettamente conosciuti, solo allora l'oggetto verrà numerato. Infatti al momento della scoperta un asteroide ottiene una designazione provvisoria definita dall'anno della scoperta e dal periodo in cui essa si è verificata es.: 2013 AK13 ( asteroide scoperto nel gennaio del 2013). Una volta che l'asteroide viene osservato (in genere occorrano 4 opposizioni) e la sua orbita e definita viene numerato, a quel punto lo scopritore può decidere di dargli un nome, ed una breve citazione.

 Un esempio asteroide: (7481) San Marcello , scoperto 11/08/1994, designazione provvisoria 1994 PA1, citazione:

 “(7481) San Marcello = 1994 PA1

 Named for San Marcello Pistoiese, the mountain village where the Pian dei Termini Observatory is located and an important all-year holiday Tuscan resort. Founded by the Romans in 224 B.C., its name comes from the Roman Consul Marcus Claudius Marcellus. A pedestrian suspension bridge on the river Lima is the longest in the world.”

Le Comete prendono il nome dello scopritore, se sono periodiche vengono numerate es: 1P/ Halley, se non sono periodiche viene indicato l'anno di scoperta C/2011 S1 ISON (in questo caso ISON è l'acronimo dell'osservatorio che ha scoperto l'oggetto).
_________________________________________________________________________________________________________________________

Tuttii pianetini della classe NEO  (i corpi minori che si avvicinano alla Terra) osservati all'Osservatorio di San Marcello da ricercatori del GAMP (P. Bacci, G. Fagioli, L. Tesi)

http://backman.altervista.org/risu/risultati.php


Linkper visualizzare le Circolari del Minor Planet Center riportanti misure astrometriche di Oggetti NEO e Comete osservate al nostro Osservatorio

http://backman.altervista.org/risu/risultati.php

Link per Studio sugli asteroidi scoperti a San Marcello (elaboraz. Paolo Bacci)

http://tinyurl.com/34py3zs

 

Link per suddivisione in Gruppi  degli Asteroidi scoperti a San Marcello (elaboraz. Paolo Bacci)

http://backman.altervista.org/asteroidi/SM/smgruppi.php

 

Link per effemeridi di pianetini NEA listati nella pagina Priority List di SPACEGUARD

http://backman.altervista.org/effemeridi/B09priority.php

Link per effemeridi dei pianetini scoperti a San Marcello (elaboraz. Paolo Bacci)

per Numerati senza nomehttp://tinyurl.com/64wk63g

per Numerati con nome http://tinyurl.com/6gy3t8o

per Non Numerati (solo Sigla) http://tinyurl.com/5wm94a5

 


 

 

Joomla templates by a4joomla